Top
Iscriviti alla newsletter e ricevi un buono sconto del 10% sui tuoi prossimi acquisti! Iscriviti
Chiamaci:
+39 06 77590042
blog immagine

Cefalea cervicogenica: è possibile diagnosticarla con un test funzionale?

La cefalea cervicogenica è un tipo di cefalea secondaria che, solitamente, è causata da problemi di mobilità o postura rachide cervicale.

Solitamente, con questo tipo di mal di testa, viene coinvolta l’area suboccipitale dove ci sono le articolazioni delle prime tre vertebre cervicali. Sono proprio i segmenti cervicali, infatti, a contribuire alla genesi e allo sviluppo della cefalea cervicogenica.

Le caratteristiche principali di questo tipo di mal di testa sono:

  • ridotta mobilità delle articolazioni del rachide cervicale superiore (prima, seconda e terza vertebra)
  • alterazioni del controllo neuro-motorio cervicale e toracico (cioè del modo in cui si attivano e coordinano i muscoli)
  • presenza di aree miofasciali alterate all’interno di muscoli specifici
  • tensioni da mal adattamento dei muscoli del rachide cervicale e toracico.

Solitamente le cause della cefalea cervicogenica sono di natura neuro-muscolo-scheletrica, ovvero:

  • traumi al collo o alla testa (per esempio il colpo di frusta)
  • posture prolungate e svantaggiose che stressano la capacità di tenuta dei muscoli e delle articolazioni del collo
  • sovraccarichi da attività sportiva o lavorativa intensa
  • movimenti improvvisi del collo o della testa
  • gestualità lavorative eccessive o inconsuete
  • tutto quello che può determinare uno stress meccanico o “stiramento” eccessivo o inusuale di nervi.

Test funzionali per diagnosticare la cefalea cervicogenica

Ci sono due test funzionali di valutazione della cefalea cervicogenica. Si valuterà, infatti, la funzionalità e la mobilità dei segmenti in cranio cervicale. Ovvero quelli compresi tra occipite C1 e C2. Questo perché una delle condizioni particolari per cui si possa dire che c’è un coinvolgimento della cervicale nel mal di testa del paziente, è la presenza di una limitazione dei segmenti cervicali superiori.

Nel primo test, quello di flessione e rotazione cervicale superiore, si andrà dunque a:

  • flettere completamente la testa del paziente, quindi flettere l’occipite sulla cervicale
  • stabilizzare C2 sia medialmente sia lateralmente
  • nella posizione di massima flessione eseguire un movimento di rotazione sinistra e movimento di rotazione destra: i movimenti devono essere simmetrici o, almeno, di essere di 35° come minimo e come range medio 45°. Da qui valutare se c’è una limitazione

Nel secondo test, invece, si assocerà la rotazione all’inclinazione laterale. In presenza di un coinvolgimento cervicale superiore, i movimenti di rotazione e inclinazione sono dissociati tra di loro. Quindi sono opposti. Nel momento di rotazione a destra, quindi, ci sarà un’inclinazione sinistra. Con il test, quindi, andremo a stabilizzare vertebra cervicale superiore C1 da destra verso sinistra, chiedendo alla paziente di inclinare la testa. Il movimento dovrebbe essere libero. Lo stesso test si esegue a sinistra verso destra. I test devono dare entrambi lo stesso risultato.

Test funzionali SSOMT

Nel nostro video corso di Terapia Manuale, un’intera video lezione sarà dedicata ai test funzionali che si diversificano dai test ortopedici perché valutano come le strutture fasciali, muscolari e articolari si muovono in rapporto fra loro.

Scopri ora il nostro abbonamento!

Articoli correlati

Quale relazione vi è nell’azione del massaggio trasverso profondo con la riparazione del tessuto connettivale? Scopriamolo insieme!

La sindrome del tunnel carpale può essere diagnosticata tramite due test funzionali: ecco quali e come si eseguono correttamente

E’ possibile valutare la presenza di cefalea cervicogenica nel paziente con i test funzionali? Ne parliamo in questo articolo

Restiamo in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere Info.
Novità e promozioni sui corsi di formazione!

X