Top
Iscriviti alla newsletter e ricevi un buono sconto del 10% sui tuoi prossimi acquisti! Iscriviti
Chiamaci:
+39 06 77590042
blog immagine

Sindrome del Tunnel Carpale: come si valuta?

La sindrome del tunnel carpale coinvolge il cosiddetto “tunnel carpale“, ovvero un passaggio stretto e rigido formato dal legamento e dalle ossa alla base della mano. All’interno di questo decorrono il nervo mediano e nove tendini flessori delle dita che vanno dall’avambraccio alla mano.

Quali sono le cause della sindrome del tunnel carpale?

Una delle cause della sindrome potrebbe essere l’aumento di pressione all’interno del tunnel la quale determina una compressione e irritazione del tessuto nervoso, dovuta alla tenosinovite, ovvero l’infiammazione della guaina che riveste i tendini flessori. Ci sono però alcune condizioni che possono agevolarne l’insorgenza, come lussazioni articolari o fratture. Ma anche malattie a carico della tiroide, diabete e artrite reumatoide.

Si può valutare la presenza della sindrome con un test funzionale?

Sì, ovviamente. Nel test di cui parleremo oggi oltre a valutare il grado di mobilità del nervo mediano all’interno del tunnel di cui abbiamo parlato prima, valuteremo anche le strutture che compongono il tunnel. Quali?

Uno è il legamento trasverso del carpo. Qui andremo a palpare e a stabilizzare i suoi apici laterali e mediali e da tale posizione andiamo a mobilizzare trasversalmente il legamento del carpo, in modo da valutare la risposta sintomatologica nel momento in cui viene eseguita la distensione.

Il secondo test, invece, è quello con cui andremo a valutare la mobilità dello scafoide nella parte laterale del polso dell’osso che subisce maggiori carichi nei movimenti del polso stesso e da lì, portando la mano del paziente in flessione ulnare spostiamo da anteriore a posteriore lo scafoide ed eseguiamo un movimento di radializzazione. Se lo scafoide è ben posizionato e si muove in maniera corretta e il paziente riesce ad eseguire il movimento di estensione radiale senza sintomatologia, allora non parleremo di sindrome del tunnel carpale.

Nel caso in cui ci fosse una instabilità dello scafoide il movimento sarebbe limitato ed estremamente doloroso. Questo è indicativo di una non corretta funzionalità dello scafoide e del legamento trasverso e del tunnel in generale che va ad interagire negativamente con il nervo mediano.

Questo articolo ti è stato utile? Continua seguirci sui nostri canali Instagram e Facebook per non perdere le tips di Stefano Serrecchia sui test funzionali.

Articoli correlati

Quale relazione vi è nell’azione del massaggio trasverso profondo con la riparazione del tessuto connettivale? Scopriamolo insieme!

La sindrome del tunnel carpale può essere diagnosticata tramite due test funzionali: ecco quali e come si eseguono correttamente

E’ possibile valutare la presenza di cefalea cervicogenica nel paziente con i test funzionali? Ne parliamo in questo articolo

Restiamo in contatto

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere Info.
Novità e promozioni sui corsi di formazione!

X